d
t
m

Corpus svizzero degli allievi SWIKO

Settore: 
Insegnamento e apprendimento delle lingue, valutazione delle competenze linguistiche
Direzione del progetto:
Durata: 
da 03.2016 a 02.2019
Stato: 
In corso
Descrizione: 

Nell’insegnamento moderno delle lingue straniere, l’accento è nettamente posto sull’uso della lingua: soprattutto con l’introduzione del Quadro comune europeo di riferimento (QCER 2001), la competenza comunicativa è diventata l’obiettivo generale di apprendimento. A ciò è legata in parte anche la tendenza a privilegiare l’orientamento ai contenuti, spesso con approcci di tipo CLIL-AICL (Content and Language Integrated Learning – Approccio Integrato di Contenuto e Lingua): nei corsi di lingua, si mira a far acquisire conoscenze e contenuti che non scaturiscono dalla lingua propria. Viene invece alquanto ridotta l’attenzione al lavoro grammaticale e lessicale.

In considerazione di ciò, il progetto SWIKO si interroga sullo sviluppo delle competenze linguistiche degli allievi, analizzando le competenze produttive (orali e scritte) nella realizzazione di cosiddette macrofunzioni linguistiche – come descrivere o spiegare – che svolgono un ruolo rilevante nell’insegnamento orientato ai contenuti. L’approccio Dynamic Language Learning Progressions (DLLP, p.es. Bailey et al. 2014) funge da punto di riferimento.

SWIKO intende registrare i processi di acquisizione della lingua da parte degli allievi in alcuni campi della competenza linguistica e, con l’ausilio di concetti e metodi della linguistica dei corpora, documentarli, prepararli per il lavoro di ricerca e analizzarli in modo esplorativo servendosi di esempi. Non si tratta soltanto di fornire un contributo empirico a una migliore comprensione dell’acquisizione di strutture linguistiche nel contesto del «nuovo» insegnamento delle lingue straniere (piano scientifico), ma anche di rispondere – sulla base delle prime valutazioni del corpus mirato – alla domanda pratica di quanto siano realistiche, negli obiettivi di apprendimento linguistico-formali, le aspettative sul rendimento degli allievi: la produzione orale e scritta degli allievi rispecchia effettivamente quanto ci si attende da loro?

Finalità – Risultati attesi: 

L’aspetto innovativo di SWIKO consiste soprattutto nell’impiego di metodi legati alla linguistica dei corpora per descrivere competenze linguistiche nel contesto dell’apprendi­mento di lingue straniere a scuola. Anche la documentazione dello sviluppo di competenze linguistiche sotto l’influsso delle attuali tendenze nei curriculum scolastici per le lingue straniere (inclusione delle due lingue secondo il modello 3/5; accento posto sull’uso della lingua; orientamento ai contenuti) è una novità.

È previsto di mettere a disposizione del pubblico il corpus SWIKO, per esempio seguendo il modello MERLIN. Questo lo renderà utile per la preparazione dei programmi e dei materiali di studio, così come per la programmazione e la valutazione di attività didattiche relative alle forme linguistiche.